Sei in: Accueil du site · Persone
Alberto Clementi, Forme immanenti. Città e innovazione : Achille Bonito Oliva, Gregorio Botta, Paolo Desideri, Anna Laura Palazzo, Alfredo Pirri, Enrico Menduni. Dip. di Architettura, Mercoledì 27 aprile, ore 18.
Richard Grusin a Roma. L’autore di "Remediation" e di "Radical Mediation" con Roberto De Gaetano, Pietro Montani, Stefano Velotti ed Enrico Menduni. Venerdì 17 maggio, ore 17,30, Sapienza Villa Mirafiori (V. Carlo Fea 2).
Mercoledì 19 aprile, Milano, ore 18, 30.
Presentazione di Andare per treni e stazioni di Enrico Menduni a "Tempo di Libri" (Milano Rho Fiera, Sala Gothic). Con Gianni Canova e Alessandro Cecchi Paone.

mediastudies.it

Persone

Studiamo la radio e la televisione, il complesso passaggio dalla comunicazione di massa ai nuovi media, l’avvento del digitale nella convergenza multimediale e nella crossmedialità. Ma anche alla fotografia, al nuovo regime scopico che si afferma dopo la diffusione di Internet e della comunicazione mobile, alla costituzione di una nuova arena politica in cui agiscono contemporaneamente i media consolidati e i social network di Internet.

Siamo un gruppo di persone, legate dalla passione per i comuni oggetti di studio, che operano nell’Università, nelle imprese radiofoniche e televisive, nel mondo di Internet, nelle pubbliche istituzioni, nell’industria culturale. L’Università Roma 3 (Dipartimento Comunicazione e Spettacolo, Corso di Laurea in DAMS) è la nostra prima sede di attività.

Le nostre principali attività di ricerca sono orientate alla radio e alla televisione, al complesso passaggio dalla comunicazione di massa ai nuovi media, all’avvento del digitale nella convergenza multimediale e nella crossmedialità. Ma anche alla fotografia, al nuovo regime scopico che si afferma dopo la diffusione di Internet e della comunicazione mobile (UMTS, GPS, Wi-Fi, Wi-Max), alla costituzione di una nuova arena politica in cui agiscono contemporaneamente i media consolidati e i social network di Internet.

Il nostro riferimento scientifico primario, ma non esclusivo, sono i cultural studies britannici. Oggi tuttavia i media audiovisivi non possono essere compresi nel loro significato più profondo soltanto applicando le varie metodologie, quantitative e qualitative, della ricerca sociale ; ma è necessario l’apporto delle scienze del testo – a cominciare dalla teoria e critica del cinema – per analizzare e tematizzare i contenuti che trasmettono. La ricerca si avvale quindi anche di conoscenze e di esperienze provenienti anche dal cinema, dal teatro, dalla letteratura, dal giornalismo, dall’estetica e dalla storia dell’arte. Si costituisce così una “cassetta degli attrezzi” piuttosto ben fornita e con strumenti di diversa provenienza.

All’attività di ricerca, anche per conto di committenti pubblici e privati, si aggiunge da alcuni anni un forte impegno nella formazione, con particolare riferimento alla televisione, alla radio, ai media digitali, attraverso master, corsi, seminari, anche in collaborazione con altri soggetti italiani e internazionali.



Suivre la vie du site RSS 2.0 | Espace privé | SPIP